Come raggiungere l’efficienza energetica in azienda

208
efficienza energetica in azienda

Ogni azienda cerca di ottimizzare il proprio consumo energetico in modo tale da ridurre l’impatto ambientale e l’impronta di carbonio.

Ad oggi è possibile adottare una serie di comportamenti per migliorare le prestazioni energetiche, indipendentemente dal settore di attività. Ad esempio, si può migliorare la disposizione dei locali. Si prediligono energie rinnovabili e si pianifica un’economia circolare. Inoltre, è importante continuare a implementare strategie interne per sensibilizzare e motivare le persone a perseguire la causa.

Le maggiori cause del consumo energetico in azienda

Per ridurre il consumo di energia negli uffici e nei magazzini è necessario considerare due grandi spese: l’illuminazione e il riscaldamento. Tutte le aree dell’azienda devono essere sufficientemente illuminate per evitare l’affaticamento degli occhi e sono studiate appositamente per favorire il benessere dei dipendenti.

Esistono diversi sistemi di illuminazione che combinano comfort visivo e risparmio energetico:

– La versatile lampadina a LED unisce i vantaggi della lunga durata e del basso consumo energetico;

– La lampada LED retrofit Paranthom è progettata appositamente per essere utilizzata in ambienti professionali e può sostituire le lampade standard;

I tubi fluorescenti neon o le strisce LED sono realizzati per fornire un’eccellente resa cromatica, pur rimanendo efficienti dal punto di vista energetico;

La lampada fluorescente compatta, è ideale per i rilevatori di movimento perché si avvia rapidamente.

Anche il riscaldamento è spesso una delle principali fonti di spesa energetica nelle aziende. Tuttavia, occorre garantire una temperatura adeguata per consentire alle persone che occupano i locali di lavorare comodamente. Infatti, una temperatura piacevole è un fattore importante per la qualità della vita sul posto di lavoro.

A volte la causa principale del consumo energetico è rappresentata da un cattivo isolamento termico. Per ovviare a questo problema, potrebbe essere necessario un intervento di ristrutturazione.

Un buon isolamento e una buona manutenzione consentono infatti di risparmiare sia sul riscaldamento, che sull’aria condizionata a seconda della stagione.

È possibile implementare facilmente alcune soluzioni alternative che potrebbero potenzialmente evitare interventi edilizi. Ad esempio, l’iniezione di poliuretano a spruzzo intorno a telai di porte e finestre, impedisce l’ingresso di correnti d’aria fredda.

È poi necessario valutare il consumo energetico dell’impianto di riscaldamento, sia esso a gas, elettrico o di altro tipo.

Una buona idea può essere quella di cambiare completamente un sistema di riscaldamento obsoleto, che consuma grandi quantità di energia, con uno a più alta efficienza energetica. Altre soluzioni rispondono a esigenze specifiche. Ad esempio, un sistema di riscaldamento a pannelli solari consente di risparmiare energia elettrica e può essere installato permanentemente in luoghi inutilizzati.

Il tasso di occupazione dei locali è, infatti, un elemento chiave che le aziende devono considerare per migliorare la gestione e l’efficienza energetica.

Strategie di riscaldamento e di illuminazione

Come accennato precedentemente, una parte dei costi energetici di un’azienda è destinata al mantenimento del comfort dei dipendenti. Per esempio, non tutti i locali dell’azienda sono occupati allo stesso modo: nei locali con un basso tasso di occupazione, può essere opportuno installare un riscaldatore aggiuntivo facile da spostare per soddisfare le esigenze di riscaldamento occasionali.

D’altra parte, in locali molto utilizzati come gli uffici, la temperatura deve essere sempre regolata per il benessere dei dipendenti. In questi luoghi è funzionale installare un termostato ambiente, che modifica l’intensità dei dispositivi di riscaldamento in base alle variazioni di temperatura, che possono avvenire a seconda di diversi fattori. Ad esempio, la variazione esterna del clima oppure l’utilizzo di dispositivi che generano calore, come i computer.

Ogni edificio deve quindi avere un sistema di riscaldamento adatto al relativo utilizzo e un impianto di illuminazione efficiente. Un’adeguata illuminazione permette un significativo risparmio energetico. In fase di ristrutturazione, infatti, è essenziale pensare e studiare a come usufruire di fonti di luce naturale.

Energie rinnovabili ed economia circolare

Un altro modo per ottenere un consistente risparmio energetico è quello di scegliere fonti di energia rinnovabile. Ad esempio, si può utilizzare l’energia eolica, idrica o solare. Esistono anche soluzioni temporanee, come i pannelli solari pieghevoli, mobili e impermeabili.

Per contribuire alla conservazione dell’energia, si può optare per luci a parete a energia solare e con rilevatori di movimento. Questo tipo di impianto di illuminazione autonoma offre sicurezza e garantisce un utilizzo intelligente dell’illuminazione.

Utilizzando l’economia circolare, puoi selezionare apparecchiature ricondizionate e approfittare dei loro vantaggi ecologici. Un’apparecchiatura ricondizionata viene sempre esaminata e riparata da un esperto prima di essere reimmessa sul mercato. Le apparecchiature che hanno ricevuto una seconda vita sono altrettanto efficienti e funzionali di quelle nuove. Molte aziende le scelgono per aggiornare le proprie apparecchiature IT.

Migliorare l’efficienza energetica ripensando i processi produttivi

Un’azienda che vuole migliorare la propria efficienza energetica deve ridurre il proprio consumo di energia e al tempo stesso considerare l’impatto ambientale di tutti i processi aziendali.

Si tratta di considerare l’impatto ambientale della produzione di materie prime, della loro lavorazione e del loro trasporto. A tal fine, puoi porti come obiettivo una green supply chain, raccogliendo dati dai propri partner e creando una rete di fornitori affidabili.

L’azienda deve anche pensare a come consegnare i propri prodotti, utilizzando imballaggi ecologici e valutando il metodo di spedizione.

Infine, per risparmiare risorse, si deve considerare e sostenere anche la transizione verso l’ecocompatibilità, coinvolgendo e sensibilizzando i dipendenti dei vari uffici. Prenditi il tempo necessario per spiegare il tuo piano ecosostenibile.

Per generare consapevolezza, condividi informazioni e consigli sulle azioni ecologiche che possono intraprendere quotidianamente per risparmiare risorse sia al lavoro, che a casa. Consulta i responsabili di ciascun team, in modo da comprendere meglio i problemi in merito riscontrati da ciascun dipendente e cosa si aspettano di vedere.

Sia per un risparmio energetico efficace in azienda, che per un miglioramento della qualità della vita sul posto di lavoro, il contenuto e le strategie della tua politica di CSR devono essere pianificati e scelti con attenzione.