Logistica Green: 
come ridurre l’impatto ambientale

210

La catena di approvvigionamento ha un impatto significativo sull’ambiente perché comporta il movimento su larga scala, e a lunga distanza, di ordini tra committenti e fornitori. Tuttavia, esistono soluzioni per limitare l’impatto sull’ambiente.

Può sembrare ovvio, ma il primo passo verso una logistica green è rendere l’intera catena di approvvigionamento più ecologica. Questo significa integrare le questioni ambientali e la consapevolezza del cambiamento climatico in ogni anello della catena.

Implementazione

L’implementazione di questa catena di approvvigionamento green richiede un forte impegno da parte di tutta l’azienda. Solo un approccio olistico permetterà di ottenere risultati sostenibili. Tutte le fasi – dall’imballaggio al sourcing, dall’organizzazione del magazzino all’ottimizzazione del trasporto e della distribuzione – devono essere riconsiderate con un unico obiettivo in mente: ridurre al minimo l’impronta ambientale della catena di approvvigionamento. L’implementazione di una metodologia ispirata ai principi della Lean Logistics, basata sull’apprendimento permanente e sul miglioramento continuo, è fondamentale in questo caso. Migliorerà l’agilità della vostra logistica e la performance dei vostri flussi.

Per molti versi, la ricerca della performance può essere un bene per il pianeta. Rintracciare le fonti di spreco, evitare gli errori di picking o lo stoccaggio inutile aiuterà a ridurre gli sprechi, l’inquinamento, il consumo di energia e le emissioni di CO2 nella vostra catena di approvvigionamento.

Sviluppare una politica di approvvigionamento responsabile 

Poiché riguarda essenzialmente il flusso di ordini e forniture, la catena di approvvigionamento è, ovviamente, strettamente legata alla funzione di approvvigionamento. Chiaramente, sviluppare una politica di approvvigionamento responsabile avrà un effetto positivo sull’impatto ambientale della catena di approvvigionamento.

Non solo gli acquisti sostenibili promuovono lo sviluppo dell’economia circolare, basata sull’ecodesign, il riutilizzo e il riciclaggio dei prodotti, ma incoraggiano anche gli acquirenti a favorire i circuiti brevi e i fornitori locali. Infatti, se le distanze percorse diminuiscono, diminuiscono anche le emissioni di CO2. Anche in questo caso, è probabile che questa strategia migliori le prestazioni complessive dell’azienda. Uno studio svedese pubblicato nell’ottobre 2020 ha stimato che l’economia circolare potrebbe generare fino a 535 miliardi di risparmi a livello europeo entro il 2030.

L’approvvigionamento sostenibile coinvolge anche la scelta dei fornitori. Assicuratevi che essi stessi implementino rigorosi criteri ambientali. Questo vale non solo per i fornitori di primo livello, ma anche per quelli di livello inferiore. Un recente articolo della Harvard Business Review ha sottolineato la necessità di un approccio olistico a tutti i fornitori, indipendentemente dalla loro posizione nella catena di approvvigionamento.

Sviluppare nuovi indicatori di performance 

Valutare correttamente le prestazioni ambientali della catena di approvvigionamento implica ovviamente essere in grado di misurarle accuratamente. Oltre agli MPI (Management Performance Indicators) e agli OPI (Operational Performance Indicators), gli EPI (Environmental Performance Indicators) meritano ora tutta la vostra attenzione. Gli indicatori di interesse includono:

  • Il consumo di energia per la fornitura, la consegna e lo stoccaggio;
  • Il tasso di trasporto alternativo (bicicletta, biocarburanti, motori a idrogeno, motori elettrici) utilizzato in tutta la logistica verde;
  • Il numero di tonnellate trasportate per chilometro e il numero di chilometri percorsi;
  • Il numero di inversioni di marcia effettuate dai veicoli di consegna;
  • La quantità di emissioni di gas serra.

Promuovere l’uso di AI, dati e automazione

La raccolta e l’elaborazione dei dati in tempo reale contribuiscono alla performance ambientale delle aziende perché migliorano l’affidabilità degli indicatori. In uno studio condotto da Orange Business Services nell’estate del 2020, l’85% delle aziende interpellate ritiene che sia ormai possibile coniugare la riduzione dei costi della logistica con la tutela dell’ambiente.

Nel 2019, un rapporto del World Economic Forum, redatto in collaborazione con McKinsey, ha citato l’esempio di Schneider Electric, che grazie alle tecnologie digitali è riuscita ad aumentare del 25% l’efficienza dei suoi operatori, a ridurre del 30% i costi di manutenzione e, soprattutto, a tagliare del 30% il consumo di energia. La manutenzione predittiva, l’Internet of Things (IoT) e i veicoli autonomi sono stati centrali in questo sistema. A livello logistico, l’arrivo del 5G sta accelerando l’automazione del magazzino, mentre l’intelligenza artificiale (AI) sta migliorando la prevedibilità degli acquisti e delle forniture.

In effetti, per molte aziende, prendere in considerazione lo sviluppo sostenibile e il cambiamento climatico funge da catalizzatore per l’innovazione. Il 59% di esse sta ora utilizzando tecnologie digitali per monitorare gli indicatori ambientali come il loro consumo di energia, carburante o acqua.

Come possiamo costruire catene di fornitura più sostenibili?

Le catene di fornitura globali stanno crescendo e diventando più complesse con l’aumento della domanda dei consumatori. Questo crescente bisogno di prodotti, risorse e materie prime si traduce direttamente in un maggiore impatto ambientale.

Poiché i consumatori e le organizzazioni diventano consapevoli dei danni potenziali causati dal commercio globale e dalla logistica, come possiamo sviluppare catene di approvvigionamento più sostenibili? 

Ci sono una serie di cambiamenti che possono essere fatti per proteggere meglio l’ambiente, ridurre i danni e garantire che la vostra fonte, produzione e distribuzione dei prodotti sia sostenibile.

Uno dei modi in cui le organizzazioni possono contribuire a ridurre l’impatto ambientale delle loro attività è l’uso intelligente della tecnologia.

Usare la tecnologia per costruire catene di approvvigionamento sostenibili 

Costruire catene di approvvigionamento più etiche e sostenibili è una buona pratica per qualsiasi azienda. Questo migliora la conformità normativa, migliora l’immagine e la reputazione del marchio dell’azienda, riduce i rifiuti e le spese generali e rassicura i consumatori sull’approvvigionamento.

Ecco 6 punti chiave in cui la tecnologia può aiutare a ridurre l’impatto ambientale delle catene di approvvigionamento

1 – Pianificare efficacemente la domanda e l’offerta per ridurre la sovrapproduzione

Un disallineamento tra domanda e offerta porta a un consumo eccessivo o insufficiente di materie prime, a una sovrapproduzione o sottoproduzione di beni e a una distribuzione sconsiderata. Questo crea ritorni e sprechi che hanno tutti un impatto sull’ambiente. 

L’intelligenza artificiale, l’apprendimento automatico e l’analisi predittiva possono prevedere la domanda probabile e garantire processi di approvvigionamento e produzione molto più efficienti.

2 – Introdurre la trasparenza per garantire che i fornitori utilizzino un approvvigionamento etico

I manager della supply chain hanno bisogno di visibilità su come i fornitori estraggono o producono le materie prime per garantire che rispettino gli standard di sostenibilità. 

La tecnologia Blockchain è un modo utile per catturare e verificare le pratiche di approvvigionamento dei fornitori. I dispositivi IoT, nel frattempo, monitorano e segnalano le condizioni di lavoro e i fattori ambientali.

3 – Ottimizzare i percorsi per ridurre il consumo di combustibili fossili

Finché la logistica non passerà ai veicoli elettrici e ad altri mezzi di trasporto sostenibili, l’ottimizzazione dei percorsi è uno dei modi migliori per ridurre l’impatto ambientale del trasporto e della distribuzione. 

L’intelligenza artificiale può lavorare con i dispositivi GPS per ottimizzare i percorsi di consegna internazionali, nazionali e locali. L’analisi avanzata può persino aggiornare i percorsi in tempo reale per tenere conto degli ingorghi e di altri problemi di traffico.

4 – Consolidare le spedizioni per sfruttare al massimo i container e il trasporto

Un container vuoto è un container sprecato. L’analisi predittiva può prevedere dove e quando la merce arriverà e consolidare le spedizioni da più fornitori a più destinazioni finali.

Questo permette l’uso più efficiente delle risorse (cioè container, rimorchi, ecc.) e del trasporto, riducendo così la quantità totale di gas serra generati per unità di carico.

5 – Pianificare i rischi e gli impatti ambientali esistenti

Molte catene di approvvigionamento sono già influenzate dal cambiamento climatico e da altri fattori ambientali. Problemi come gli incendi boschivi (per esempio sulla costa occidentale degli Stati Uniti), l’innalzamento del livello del mare, la scarsità di acqua potabile o il calo delle rese agricole hanno un profondo impatto sull’efficienza, la qualità e la velocità della catena di approvvigionamento. 

La tecnologia della catena di approvvigionamento aiuta a prevedere questi rischi e permette ai manager della catena di approvvigionamento di mitigare il loro impatto e mettere in atto piani di emergenza.

6 – Razionalizzare i processi della supply chain per ridurre gli sprechi

Le catene di approvvigionamento possono essere migliorate con grandi cambiamenti, ma i risultati sono più comunemente raggiunti da piccoli miglioramenti incrementali. Un’analisi e un reporting efficaci lavorano di pari passo con l’apprendimento automatico per migliorare continuamente i processi in tutta la catena di approvvigionamento. Ogni passo fatto per ridurre leggermente gli sprechi, accelerare la consegna o aumentare la qualità del prodotto contribuisce a migliorare gradualmente la sostenibilità.