Blockchain il futuro è alle porte

1973

Tutti noi sappiamo cos’è Bitcoin, ma conosciamo meno la tecnologia che sta alla base di queste cripto valute, ovvero la BLOCKCHAIN.

Rilasciata nel 2009, Bitcoin è stata la prima criptovaluta ad utilizzare una nuova tipologia di registro distribuito, noto appunto come Blockchain. Tra le novità introdotte dai Bitcoin, il fatto che ogni transazione fosse legittimata da una rete decentralizzata e non dalle autorità centrali (come ad esempio le banche). Seppur breve, la storia di questa criptovaluta ha segnato e stimolato l’evoluzione delle tecnologie Blockchain, tra sperimentazioni, perplessità e un hype mediatico senza precedenti.

Che cos’è la blockchain?

La Blockchain è quindi una tecnologia, che permette una sicurezza del dato molto alta, grazie alla concatenazione della sua architettura.

Questa tecnologia è utilizzata non solo nel mondo della finanza – come reazione alla minaccia dei Bitcoin – che é già orientato verso una fase di sviluppo applicativo dei progetti, ormai anche l’industria alimentare sta facendo uno step importante per la tracciabilità della filiera.
Quindi è possibile sapere dove un determinato animale ha vissuto, in quale determinato alpeggio, con quale determinato mangime è stato nutrito, informazioni non falsificabili e trasparenti grazie alla blockchain.

Gli altri settori in cui è in atto questa rivoluzione sono quello del GAMING e quello dell’arte attraverso gli NFT.

Cosa sono Gli NFT (Non-Fungible Token)

NFT è l’acronimo di “Non-Fungible Token”. L’aggettivo “Non-Fungible”, traducibile in “non fungibile”, indica un bene non replicabile e non sostituibile perché possiede una specifica individualità.

I NFT sono quindi associati a un contenuto digitale, di cui garantiscono i caratteri di unicità e autenticità, (immaginate quando comprate un quadro e l’artista vi consegna insieme all’opera anche l’autentica) conferendo al proprietario un certificato dell’originalità del prodotto.

Quindi ogni NFT, grazie alla blockchain, ha la sicurezza della proprietà dell’oggetto.
Quindi diventa un possibile investimento. Se noi acquistiamo un quadro, ad esempio, ne acquistiamo anche la sua autenticità, in questo caso l’autenticità è la transazione dell’acquisto del medesimo.

Le caratteristiche chiave della blockchain:

DECENTRALIZZAZIONE
Le informazioni vengono registrate distribuendole tra più nodi per garantire sicurezza informatica e resilienza dei sistemi.

TRACCIABILITÀ DEI TRASFERIMENTI
Ciascun elemento sul registro è tracciabile in ogni sua parte e se ne può risalire all’esatta provenienza

DISINTERMEDIAZIONE
Le piattaforme consentono di gestire le transazioni senza intermediari, ossia senza la presenza di enti centrali fidati

TRASPARENZA E VERIFICABILITÀ
Il contenuto del registro è trasparente e visibile a tutti ed è facilmente consultabile e verificabile

IMMUTABILITÀ DEL REGISTRO
Una volta scritti sul registro, i dati non possono essere modificati senza il consenso della rete